America

Atlanta, Savannah, Charleston: la raffinatezza del sud

Un angolo degli Stati Uniti poco conosciuto, pochi lo propongono nei loro itinerari nonostante sia un luogo  intriso di storia americana e ricco di fascino. Piantagioni, gardenie e gelsomini profumano i giardini delle romantiche case bianche.

Siamo atterrati ad ATLANTA , una grande città americana , piacevole.  E’ la città dove Martin Luther King iniziò la sua battaglia, il luogo dove visse Margart Mitchell mentre scriveva “Via col Vento”.

E’ la città della Coca Cola anzi del World of Coca Cola, un museo fatto benissimo dedicato alla bibita più famosa del mondo, dove puoi scoprire ogni suo segreto eccetto la formula di produzione.

Qui ha sede la CNN, la più famosa stazione tv americana e sempre qui troviamo il Centennial Olympic Park, il grande parco costruito per le Olimpiadi del 1996,  il luogo dell’attacco terroristico  ( l’avete visto vero il film Richard Jewel?)

Ad Atlanta prendiamo una macchina a noleggio e…  via verso un’altra sorpresa d’America. 

Arrivando a Savannah tutto potreste pensare meno di essere negli Stati Uniti di questo millennio. Il tempo sembra essersi fermato,  deliziosa, elegante, verde Savannah è incantevole. Considerata  una delle dieci città più belle degli Stati Uniti è la città delle piazze, ad oggi ne contiamo 22 e sono  bellissime con lussureggianti giardini e marmoree fontane. La più famosa è Chippewa Square, famosa per altre cose probabilmente ma, per me cinefila scatenata,  è la piazza dove Forrest Gump attende l’autobus; proprio qui c’è la panchina dov’era seduto!

“La vita è come una scatola di cioccolatini:non sai mai quello che ti aspetta” ed è proprio quello che succede in South Carolina!

Da Savannah in macchina ci dirigiamo verso la  raffinatezza e signorilità di Charleston dove nacque uno dei simboli dei “Roaring twenties” : il charleston!

Bellissima, una signora di classe, nata nel 1670 ad opera di nobili  coloni inglesi che vennero mandati in America da Carlo II e che decisero in suo onore di chiamarla appunto “Charles town”. Come tutte le città degli stati del sud ha una triste pagina nella sua storia legata allo schiavismo: gli schiavi vennero principalmente importati per bonificare le  zone paludose della costa, si formarono così grandi risaie e appezzamenti di terreno che necessitavano di manodopera. Tutto questo è raccontato nell’Old Slave Museum,un museo struggente situato  nel luogo esatto dove sino al 1865 venivano messi all’asta e venduti gli schiavi provenienti dall’Africa.

Oggi, chiaramente,  le cose sono completamente cambiate e Charleston si presenta come una deliziosa cittadina che conserva ancora nei suoi edifici l’architettura tipica del periodo antecedente la guerra di secessione, raffinata è famosa per i suoi giardini riscaldati dal sole del Sud.

Non ci sono grattacieli, neanche Mc Donald e UNIQLO deve ancora farsi conoscere …  qui ti sembra di vivere in un film fra sudisti e nordisti. Puoi sorseggiare una limonata seduto su un bel divano in vimini  in veranda guardando le persone passare in carrozza perchè si .. le escursioni si fanno in carrozza!

La città è avvolta da una natura a dir poco insolita, le piantagioni che la circondano nascondono le residenze del periodo coloniale, maestose magioni che sembrano essere i guardiani degli sterminati campi di cotone , grano, riso e canna da zucchero un tempo tristi luoghi che oggi, invece, sono completamente ricoperti da fiori colorati.

Una piccola curiosità le paludi che si incontrano e che sono tipiche di questa zona sono di colore nero, questa particolarità è causata dalla decomposizione dei vegetali!

Charleston ha bisogno di essere vissuta passeggiando lungo i suoi viali in pavè fra dimore splendide , giardini,  pittori agli angoli e chiesette bianche, quelle dei film. La  visiti con facilità a piedi oppure in carrozza ma il momento più bello è la sera quando accendono I lampioni ad olio ( davvero!) che le regalano una luce speciale. 

Una straordinaria parte d’America , magnifica,  signorile con la sua storia e i ristoranti piu buoni d’America .

Che viaggio e che ricordi !

Non lontano da Charleston un altro gioiellino è Beaufort un intero “downtown” designato a “historic district” Lontano dal mondo turistico, case strade  e gente  ti riportano al passato con le sue  stupende dimore costruite nel periodo precedente la Guerra Civile da ricchi proprietari di piantagioni dell’ epoca. Un’ambientazione talmente speciale tanto da averlo eletto come set cinematografico privilegiato negli USA per film da oscar come Forrest Gump, Il Grande Freddo , Il Principe delle Mareee e …molto altro!

 

CURIOSITA’: Si pensa che il Charleston nasca prendendo ispirazione dai movimenti che venivano eseguiti dagli scaricatori per caricare o scarica merci dalle navi. Altre versioni, invece,fanno nascere questo ballo dai movimenti di base delle danze propiziatorie delle tribù africane

 

FILM CONSIGLIATI:

Forrest Gump

Il principe delle maree

Il Grande Freddo

LIBRI CONSIGLIATI:

Via col Vento-Mitchell

Il Buio oltre la Siepe – Lee

MUSICA:

CHARLESTON! un ballo che accompagnava le persone durante gli anni del proibizionismo.

Da provare  la salsa per il Barbecue del South carolina

 

 

 

Lascia un commento